Prima di vedere effettivamente cosa sia la Lean strategy partiamo da una considerazione più macroscopica: Il mercato, così come il panorama sociale e la sfera delle tecnologie, stanno conoscendo cambiamenti continui che possono essere sia repentini che lenti, graduali ma costanti.

In ogni caso, il tempo di risposta di un’azienda alle nuove condizioni che la circondano – e alle loro ripercussioni sull’ambiente interno ad essa – è un fattore chiave nel successo della stessa.

Iniziare un nuovo progetto ma lasciare passare un tempo troppo lungo tra le fasi di ideazione, di sviluppo e di lancio sul mercato è un errore ormai imperdonabile.

E questo è tanto più vero quanto più la nostra attività si configura nel mondo digitale.

Allo stesso modo, le condizioni che definiscono un buon investimento possono cambiare così in fretta che i primi passi nella progettualità possono già risultare fuori tempo massimo.

Vediamo come la Lean strategy può aiutarci ad evitare questo deleterio tergiversare.

 

Il metodo Lean applicato alla strategia

Il metodo Lean è un potente strumento per definire lo sviluppo sostenibile del business definendo in modo corretto “la rotta”.

“Definire la rotta” è la metafora più calzante per descrivere la situazione verso la quale vogliamo andare con la nostra azienda.

Il metodo lean strategy utilizza l’Hoshin Kanri, uno strumento con il quale tracciare sulla carta nautica la direzione che vogliamo dare alla nostra attività. Ma anche per tenere sotto controllo l’ambiente circostante, in modo che la navigazione non subisca intoppi potenzialmente catastrofici.

L’Hoshin Kanri, termine di origine giapponese che unisce le parole “Hoshin” (bussola) e “Kanri” (management), è un approccio gestionale nuovo e integrato, che combina in modo semplice il management strategico e quello operativo, legando in questo modo gli obiettivi aziendali a medio e lungo termine all’operatività quotidiana.

Si tratta cioè di una rappresentazione che sintetizza e lega tra loro strategia, obiettivi tattici, progetti, processi operativi, KPI – Key performance indicator – ruoli e responsabilità delle persone.

Operativamente, l’Hoshin Kanri si presenta come un banale foglio, sul quale scrivere e mettere in relazione delle variabili.

 

Quattro livelli per l’Hoshin Kanri

Lo strumento Hoshin Kanri è costituito da quattro livelli: vediamoli in ordine.

  • Pianificazione strategica top-level

E’ la prima cosa da fare, e quindi da rappresentare nel nostro foglio. Vision, mission e valori aziendali vengono allineati e condivisi tra imprenditore, prima linea di manager e dirigenti aziendali. Serve come base per derivare un piano strategico ed economico triennale.

  • Obiettivi annuali

Derivano dal punto precedente, e sono fondamentali per proiettare il piano strategico nel “mondo reale” della vita aziendale.

  • Strategie e progetti chiave di miglioramento

Per arrivare ai risultati attesi, servono progetti chiave. Connessi con gli obiettivi aziendali, vengono individuati in questa fase.

  • Responsabilità e indicatori di performance

Ogni persona coinvolta nel progetto viene legata ad un compito, con delle responsabilità rappresentate dalle KPI.

 

Una volta definiti i quattro livelli del nostro Hoshin Kanri, vengono fissati dei momenti di verifica, con cadenza diversa:

  • Verifiche a cadenza mensile, per controllare lo svolgimento di ogni progetto e analizzare le KPI per poter fare aggiustamenti ragionati e tempestivi.
  • Verifiche a cadenza annuale, per effettuare una “autodiagnosi” dell’insieme.

Quando la situazione del mercato in cui si muove l’azienda si evolve molto rapidamente, è possibile prevedere – al posto del check annuale – degli stop di verifica a intervalli di tre o quattro mesi.

 

I vantaggi dell’Hoshin Kanri

Nella sua semplicità, l’Hoshin Kanri apporta al management dell’azienda numerosi benefici.

  • Gli obiettivi strategici che vengono definiti sono allineati alla vision aziendale sul medio e lungo termine. Si elimina alla radice la possibilità che vi siano discrepanze tra l’anima dell’impresa e i suoi obiettivi.
  • I risultati attesi dagli obiettivi tattici sono quantificati.
  • Ogni reparto di produzione, ufficio o team viene legato a degli obiettivi.
  • I progetti operativi necessari al raggiungimento degli obiettivi vengono individuati con chiarezza.
  • Lo strumento specifica gli indicatori chiave da tenere sotto controllo e sottoporre a verifica con regolarità.
  • Permette di comunicare a tutta l’organizzazione gli obiettivi.
  • Rende più facile gestire eventuali conflitti, proprio in virtù di definizione e ripartizione chiare degli obiettivi e delle responsabilità.
  • Aiuta a costruire lo spirito di squadra.
  • Le persone sono immediatamente responsabilizzate.

Gli ultimi punti, come abbiamo visto in un precedente articolo permettono inoltre di migliorare sensibilmente l’atmosfera che si respira nell’ambiente di lavoro.

Una comunicazione aperta e trasparente va infatti di pari passo con una maggiore collaborazione tra individui, mentre la responsabilizzazione – come la partecipazione non solo ai processi, ma anche alla loro analisi e alla loro ottimizzazione – fa sì che la motivazione delle persone cresca.

Il trasferimento positivo alla produttività generale dell’azienda è evidente.

E’ un passo in avanti verso la realizzazione del lavoratore proprio sul posto di lavoro, come membro attivo di un’azienda.

 

Hoshin Kanri e budget

Proprio il legame con obiettivi, dati e performance fa sì che l’Hoshin Kanri sia uno strumento di riflessione importante per le aziende che lo adottano.

In particolar modo è consigliabile lavorare alla sua impostazione prima della stesura dei piani economici aziendali, per allineare i parametri di budget e risorse disponibili agli obiettivi e ai processi che li incarnano.

E’ un passaggio che si inserisce nella piena filosofia del Lean management, che vede come suo motore principale il taglio di costi e consumi inutili. E che si lega alle pratiche di Lean Accounting.

 

Richiedi a Make Consulting una consulenza su misura per iniziare a implementare l’Hoshin Kanri, il potente strumento di strategia che può migliorare i processi della tua azienda, facendoti nel contempo risparmiare.

Hai trovato interessante questo articolo? Clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter. Riceverai solo articoli e approfondimenti sul mondo Lean. Assolutamente niente spam.

Richiedi info

Nome*
Cognome*
E-mail*
Cellulare*
Ruolo*
Azienda*
Indirizzo*
CAP*
Città*
Provincia*

Prendo visione dell'informativa sulla Privacy Policy.*

Potrebbero interessarti anche:

Benessere dei collaboratori e competitività con il metodo Lean

In questi ultimi tempi si assiste ad una sensibilizzazione verso l’organizzazione aziendale, rivolta soprattutto al benessere dei collaboratori. Che si tratti di dipendenti o di collaboratori esterni, l’interesse attorno ai temi del benessere, della motivazione e della realizzazione personale sul lavoro si sono aggiunti ai “meri” discorsi sulla produttività del singolo e dei team. Promuovere un […]

Approccio LEAN: cos’è e quali benefici porta nelle PMI

Indice dei contenuti1 Che cos’è l’approccio lean?2 Quali sono i benefici dell’approccio lean2.1 Chi ha fondato il termine Lean?2.2 Come, quando e dove nasce il lean?3 Gli ambiti dove si possono applicare i concetti lean4 Come si implementa l’approccio lean in azienda Che cos’è l’approccio lean? L’approccio lean è una modalità di gestione dell’azienda e […]

Credito d’Imposta formazione: recupera i costi d’innovazione e formazione

Il credito d’imposta formazione consente di finanziare totalmente programmi di formazione, processi di trasformazione tecnologica e digitale creando e consolidando competenze in azienda. Scopri il periodo di validità e i dettagli in questo post. Indice dei contenuti0.1 Cos’é il credito di Imposta1 Caratteristiche dell’incentivo formazione 4.01.1 Chi può beneficiare dell’agevolazione del credito d’imposta per la […]

Strumenti Lean in ufficio: Lean office e 5S per la produttività in ufficio

Molti si chiedono, magari dopo aver sentito parlare dei grandi benefici della Lean Production, se si possano applicare gli stessi concetti e benefici derivanti dal metodo lean e del lean thinking anche nel mondo dei servizi e più in generale negli uffici.  La risposta è assolutamente sì: grazie al Lean Office e ai suoi vari strumenti – […]

Consulente Lean: perché è diverso da un consulente aziendale tradizionale

Consulente Lean: ne hai sentito parlare in qualche corso, letto in qualche articolo, ricevuto un consiglio da un amico e vorresti saperne di più. Cos’è esattamente un consulente aziendale lean? In cosa si differenzia da un consulente aziendale tradizionale? In quali tipi di aziende è utile e in quali del tutto inefficace? Ne parliamo in questo […]

Lean Strategy: i successi partono sempre dalla strategia

Prima di vedere effettivamente cosa sia la Lean strategy partiamo da una considerazione più macroscopica: Il mercato, così come il panorama sociale e la sfera delle tecnologie, stanno conoscendo cambiamenti continui che possono essere sia repentini che lenti, graduali ma costanti. In ogni caso, il tempo di risposta di un’azienda alle nuove condizioni che la […]

Make Consulting is member of Make Group

SEDE OPERATIVA
Via Venezia, 58/2 | 30037 Scorzè (VE)

SEDE LEGALE
Via Villafranca, 6/3 | 30035Mirano (VE)

Dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00 oppure scrivici via email a: info@make-group.it

Make Group Srl – Capitale Sociale 25.000 € i.v. – P.IVA e C.F. 04409600279 | REA VE-411415 | Cod. SDI T04ZHR3

Copyright © 2020 Make Consulting | Privacy & Cookie Policy