Il Metodo Make

Risultati

Nel processo produttivo, commerciale e amministrativo di un’azienda (più che mai nel caso di una PMI) non puoi rischiare spese inutili. Ogni risorsa umana, materiale, produttiva deve essere valorizzata al massimo, per poter stare nel mercato in modo profittevole.

Quello che invece troppo spesso succede è che a fronte di fatturati interessanti, l’utile dell’azienda è insoddisfacente: inferiore alle aspettative, incapace di sostenere gli scrolloni di mercato inaspettati, non sufficiente per gettare basi solide per una crescita intelligente a lungo termine.

In questi casi tipicamente si cerca di tagliare i costi con la mannaia, sperando così di alzare l’utile: ciò, secondo i principi tradizionali di economia, era un’equazione tanto logica quanto efficace.

Una volta.

Oggi non è più così.

Con la competizione globale, i mercati emergenti che producono con prezzi inarrivabili per i paesi occidentali, la rincorsa continua all’innovazione estrema, tagliare semplicemente i costi con un’ottica di risparmio immediato, può produrre più danni sulla struttura aziendale che benefici.

Per questo noi di MAKE adottiamo un metodo innovativo per l’analisi, la gestione e lo sviluppo d’impresa.

Un metodo che si rivela particolarmente prezioso per le Piccole Medie Imprese italiane che hanno margini e strutture decisamente diverse da quelle delle grandi aziende.

Oggi infatti non è più il tempo in cui “pesce grande mangia pesce piccolo”, oggi è “pesce veloce mangia pesce lento”.

La velocità è la chiave di qualunque successo imprenditoriale oggi. E tu, se sei riuscito a costruire qualcosa di bello, lo sai benissimo.

  • Velocità di rialzarsi dopo uno scrollone di mercato
  • velocità nell’individuare nuove opportunità di mercato
  • velocità nel ristrutturare i processi produttivi, commerciali e amministrativi in modo da ridurre gli sprechi mentre aumenti il valore per il cliente (e dunque la tua solidità sul mercato)

Per ottenere questo tipo di velocità imprescindibile oggi, bisogna agire leggeri, senza zavorre.

Si tratta di raggiungere quello che viene tecnicamente detto Operation Excellence.

Uno stato di grazia in cui, attraverso azioni concrete studiate su misura, si porta l’azienda all’eccellenza operativa, in modo da:

  • diminuisce virtualmente a zero gli sprechi (inclusi quelli di inefficienza a livello progettuale, amministrativo e di servizi, non solo di produzione) e
  • permette di produrre prodotti e/o servizi massimizzando le risorse.

Interessante questo concetto, vero?

È chiaro che sia così.

L’ obiettivo di ogni impresa è quello di fare utili.

Il metodo MAKE permette di fare esattamente questo: un’analisi e una ri-strutturazione dei processi aziendali in modo da diminuire gli sprechi e creare valore per il mercato.

Un processo che parte spesso dal definire in modo chiaro e univoco la strategia aziendale perché è da qui che nascono i grandi successi.

Un approccio snello che ha come unico obiettivo di utilizzare al meglio risorse ed energie.

A partire da te.

Un percorso che può rivoluzionare la tua attività aziendale. Senza spendere un solo euro per acquistare materiali o macchine nuove. Tutto si basa sull’ottimizzazione di ciò che già hai.

Tripla Garanzia MAKE

METODO

Certezza di un metodo valido universalmente riconosciuto a livello imprenditoriale e accademico.

TESTIMONIANZE

Testimonianze di successo dei nostri clienti.

100% SODDISFATTO

Scegli di iniziare un progetto di riorganizzazione e sviluppo aziendale, se non sei soddisfatto puoi interrompere le attività in qualunque momento, senza costi ulteriori.

Il metodo MAKE è frutto di oltre 10 anni di esperienze concrete su piccole e medie imprese Made in Italy permettendo anche a loro di avere accesso a strumenti e metodi virtuosi utilizzati prevalentemente da grandi imprese e riconducibili al Toyota Production System.

Il metodo MAKE è applicabile a tutti i livelli aziendali e in tutte le aree: sviluppo di nuovi prodotti, progettazione industriale, amministrazione, commerciale, marketing, produzione, logistica, acquisti.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale il Giappone era in ginocchio e non c’erano grandi possibilità di fare evolvere l’industria automobilistica. Taiichi Ono decise di adottare una nuova strada, diversa dal sistema rigido occidentale, aumentando la flessibilità dei macchinari in modo da rispondere immediatamente alle variazioni di mercato.

Il resto è storia. Nonostante le diverse pesanti crisi affrontate (dalla crisi del petrolio del secondo dopo guerra alla crisi del ritiro negli anni 2000), Toyota continua da oltre 70 anni a produrre risultati sui propri mercati di riferimento.

Tutto questo grazie a quello che è universalmente conosciuto come Metodo Toyota e pensiero Lean.

Chiunque scopra e approfondisca i dettagli del Metodo Toyota ne resta affascinato. La sua efficacia è disarmante.

Nel corso degli anni però il Metodo Toyota è stato applicato pressoché solo nelle grandi aziende dell’indotto Automotive o in multinazionali. Il Sistema Toyota è infatti semplice e lineare da applicare, una volta che lo hai metabolizzato e compreso profondamente.

Se lo si applica in modo superficiale, non solo risulta macchinoso ma può persino portare a peggiorare la situazione aziendale, soprattutto nelle piccole medie imprese che hanno caratteristiche specifiche e peculiari.

Il Metodo MAKE® è unico nel mercato perché frutto di esperienze, successi di progetti e di percorsi implementati su piccole medie imprese.

Tutti i nostri consulenti hanno maturato una decennale esperienza all’interno di organizzazioni in svariati settori e dimensioni, sia in mercati B2B che B2C.

Il metodo MAKE® applica i principi del Lean Thinking e del miglioramento continuo Toyota, nel nostro particolare tessuto imprenditoriale, fatto da PMI per oltre il 95% dei casi.

Per questo motivo abbiamo la Tripla Garanzia Make con:

  • Certezza di un metodo di valido universalmente riconosciuto a livello imprenditoriale e
    accademico
  • Testimonianze di successo dei nostri clienti
  • Scegli di iniziare un progetto di riorganizzazione e sviluppo aziendale, se non sei
    soddisfatto puoi interrompere le attività in qualunque momento, senza costi ulteriori.

A proposito d’investimenti, all’interno del nostro gruppo, operano professionisti specificamente incaricati di individuare opportunità di finanziamenti con cui, spesso, i progetti riescono ad essere parzialmente o interamente finanziati.

Come lavoriamo

Siamo consapevoli che ogni cliente/azienda è differente dagli altri. Per questo non abbiamo nessuna soluzione precostituita.

Ogni progetto che sviluppiamo è adattato alle esigenze e alle caratteristiche specifiche della singola azienda.

Alla base di ogni nostro intervento vi è il pieno coinvolgimento dei collaboratori, operativi, manager e proprietà perché innovare e crescere è molto di più che un cambiamento di organizzazione, un nuovo layout, l’utilizzo di alcuni strumenti o un metodo di lavoro.

Check Up iniziale

1° incontro/visita aziendale
Per inquadrare le reali necessità e opportunità. Almeno due dei nostri esperti prendono visione della realtà e valutano l’esistenza delle condizioni reali per poter iniziare un processo di riorganizzazione e ottimizzazione aziendale.

2° incontro
Per presentare la proposta di collaborazione che tiene conto delle istanze emerse durante i precedenti incontri.

Fase 1: CANTIERE STRATEGIA

Il metodo MAKE prevede una FASE 1 chiamata CANTIERE STRATEGIA della durata di 3 appuntamenti di mezza giornata o giornata intera in funzione della dimensione dell’azienda.

Nel cantiere strategia sono coinvolte le figure chiave in azienda perché, più che un’analisi asettica, è un lavoro di squadra al termine del quale verrà prodotto un piano di azione operativo con obiettivi e tempi.

Quindi è richiesta almeno una figura di riferimento per i vari uffici/funzioni coinvolte nel progetto.

Alcune delle attività svolte nel cantiere strategia, se di veloce e facile implementazione, verranno già rese operative durante le tre giornate, altre potranno essere portate avanti in autonomia  dai collaboratori dell’azienda con una eventuale supervisione nostra, altre attività saranno fatte assieme.

E’ condizione necessaria che il primo giorno ci sia la proprietà almeno per le 2/3 ore di presentazione delle attività e condivisione dei principi chiave.

Il tutto si svolgerà in 3 settimane consecutive, individuando un giorno della settimana dedicato al “Cantiere Strategia”. Le risorse interne all’azienda che andiamo ad individuare dovranno quindi essere disponibili a lavorare con Noi in quei giorni.

Gli ambiti di operatività su cui si sviluppa la fase di CANTIERE STRATEGIA sono il cuore pulsante del metodo Make e riguardano:

Ecco un esempio di programma :

GIORNO 1:

Mattina: presentazione del cantiere strategia, formazione sui principi Lean Management (2/3h), inizio attività

Pomeriggio: mappatura dei processi operativi (produzione) con lo strumento Value Stream Mapping

GIORNO 2:

Mattino: mappatura dei processi operativi (produzione) con lo strumento Value Stream Mapping, raccolta KPI e opportunità/criticità

Pomeriggio: Inizio mappatura dei processi gestionali/amministrativi a supporto della produzione con lo strumento Makigami

GIORNO 3:

Mattino: mappatura dei processi gestionali/amministrativi a supporto della produzione con lo strumento Makigami, raccolta KPI e opportunità/criticità

Pomeriggio: stesura del progetto operativo e task, risorse e tempi con il team di lavoro.

Ultime due: Condivisione con la proprietà ed eventuale ” team allargato” del progetto.

Fase 2: Implementazione progetto

Implementazione del progetto operativo relativo agli aspetti emersi durante il Cantiere Strategia. L’implementazione del progetto e quindi delle attività operative prevedono una fase intensiva iniziale.

Fase 3: Follow up

Affiancamento nel consolidare le attività svolte e svilupparne altre formando e supportando la direzione e i propri collaboratori ad affrontare in autonomia  progetti di innovazione e sviluppo.

Make consulting e l’università: testimonianze

 

Prof Roberto Panizzolo
Prof. Roberto Panizzolo Professore di Organizzazione della Produzione e dei Sistemi Logistici presso l’Università degli Studi di Padova e direttore del corso Lean Manufacturing

“Sono molte le aziende che ormai applicano i principi del Toyota Production System ed oggi si trovano a confrontarsi con un’ altro approccio, chiamato Industria 4.0. Ognuno di voi ha nella propria azienda degli eroi che risolvono il problema, ma è il processo la chiave di svolta”.

Prof. Ettore Maraschi
Prof. Ettore Maraschi, docente di gestione e industrializzazione dell’innovazione presso Politecnico di Torino

“Per vincere le sfide del mercato o diventi Leader di costo o diventi Leader di differenziazione. Attraverso un percorso di innovazione, che passa tramite il coinvolgimento dei collaboratori, si posso sviluppare prodotti e servizi con un elevato grado di unicità nel tuo mercato di riferimento”

Prof. Paolo Gubitta
Prof. Paolo Gubitta, docente ordinario di Organizzazione aziendale Università di Padova e direttore scientifico CEFab CUOA Business School

“Oggi più che mai la resilienza è una competenza indispensabile per persone e organizzazioni. Resilienza significa: 1.Essere rubusti, cioè la capacità di tirare fuori il meglio di se utilizzando risorse, asset e competenze per risolvere uno specifico problema non previsto; 2.Pronti, avere la capacità di prendere decisioni rapide in situazioni di elevata incertezza e con poche informazioni a disposizioni; 3. Intraprendenti, riuscire a fare cose che prima sembravano impossibili”

Make consulting e le imprese: testimonianze

 

Mario Marchiori
Mario Marchiori, Direttore generale GF Omicron.

“Abbiamo deciso di adottare la filosofia Lean e del metodo make non solo per aumentare efficienza e produttività ma anche per farla diventare una nostra cultura aziendale. Siamo arrivati a fare un salto di qualità: ogni volta che si raggiunge uno step si vedono subito i cambiamenti e il recupero di efficienza può essere così reinvestito in altre attività di miglioramento.”.

Emilio Brusaferri
Luca Zanon, Direzione Operations GF Omicron.

“Abbiamo deciso di chiedere il supporto di Make
Consulting per avere la garanzia di ottenere ciò che desideriamo: un trasferimento di metodo e cultura da una lato e soprattutto un supporto concreto per le attività operative di riorganizzazione.”

Luca Zanon
Emilio Brusaferri, A.D. Lemi Group

“Alla nostra crescita ci è giovato tantissimo
l’organizzazione interna che è stata ripensata con il metodo Toyota production System o Lean
Production, abbiamo recuperato spazio, snellito la produzione ed aumentato del 24% la produttività, questo ci ha consentito di aumentare l’indice di rotazione dei magazzini, lavorare con il JIT e migliorare i flussi finanziari

Michele Doris
Michele Doris, Presidente Antoniana Emergenza.

“Abbiamo voluto iniziare un progetto di riorganizzazione e sviluppo con il supporto del Gruppo Make perché vogliamo stare al passo con l’innovazione e la tecnologia oltre alla formazione continua

Massimo Perdoncin
Massimo Perdoncin, Direzione Milper Group.

“I vantaggi sono lampanti, abbiamo ottimizzato i flussi produttivi e logistici aumentando la produttività, inoltre abbiamo adottato dei sistemi di Visual Management che facilitano e velocizzano l’organizzazione delle attività nello stabilimento e negli uffici.

Denis Vian e Massimo Giuriato
Denis Vian e Massimo Giuriato, VGA
Vian&Giuriato Associati

“Abbiamo deciso di iniziare un percorso con il team Make Consulting per supportare la strategia di crescita e migliorare l’organizzazione interna dell’azienda. La gestione delle commesse per noi è un fattore critico per dare un buon livello di servizio ai nostri clienti. Grazie al metodo MAKE abbiamo implementato un sistema di pianificazione che consente di ottimizzare le risorse e tempi. Anche la comunicazione interna è migliorata.

Francesco Cazzaro
Francesco Cazzaro, Presidente Nitesco.

“Grazie al lavoro fatto siamo riusciti a recuperare efficienza all’interno dell’azienda, i dati si aggirano attorno al 30%. Anche se un’azienda avesse degli ottimi collaboratori, credo che il confronto sia fondamentale, tutto questo deve partire dalla volontà dell’imprenditore e coinvolgere i collaboratori.

Loris Cosmo

Loris Cosmo, A.D. Carrozzeria Castellana

“Siamo soddisfatti di aver intrapreso questo percorso, stiamo coinvolgendo tutti i collaboratori perché riteniamo sia una grande opportunità per l’azienda ma anche di crescita personale e professionale.”

Riccardo Turri
Riccardo Turri, CEO Starpool

“Il progetto ha avuto successo perché siamo riusciti a coinvolgere tutti e questo ha creato un cambio culturale, una migliore organizzazione con conseguente incremento dell’efficienza.

Da dove partire

Ogni storia inizia con un primo passo.

Ognuna di queste e di tutte le altre storie di successo è partita con il 1° incontro per inquadrare le reali necessità e opportunità. Almeno due dei nostri esperti prendono visione della realtà e valutano l’esistenza delle condizioni reali per poter iniziare un processo di riorganizzazione e ottimizzazione aziendale.

Per fissare il tuo primo incontro visita la pagina www.pianodirilancio.it

Approfondimenti

Il metodo Make

Il metodo Make

Grazie alla profonda esperienza del nostro team supportiamo le aziende velocizzando il percorso di innovazione e Lean Trasformation.

Matteo Busato

Matteo Busato, la biografia – Make Consulting

Matteo Busato è fondatore e amministratore di Make Group, società di servizi per l’innovazione e lo sviluppo delle imprese che opera attraverso tre Brand distinti: Make Consulting, Nuovi Talenti e LaFirma.

Prof. Roberto Panizzolo Università di Padova

Prof. Roberto Panizzolo Università di Padova

“Ognuno di voi ha nella propria azienda degli eroi che risolvono il problema, ma è il processo la chiave di svolta.”

Make Consulting is member of Make Group

SEDE OPERATIVA
Via Venezia, 58/2 | 30037 Scorzè (VE)

SEDE LEGALE
Via Villafranca, 6/3 | 30035Mirano (VE)

Dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00 oppure scrivici via email a: info@make-consulting.it

Make Group Srl – Capitale Sociale 25.000 € i.v. – P.IVA e C.F. 04409600279 | REA VE-411415 | Cod. SDI T04ZHR3

Copyright © 2020 Make Consulting | Privacy & Cookie Policy