In questi ultimi tempi si assiste ad una sensibilizzazione verso l’organizzazione aziendale, rivolta soprattutto al benessere dei collaboratori. Che si tratti di dipendenti o di collaboratori esterni, l’interesse attorno ai temi del benessere, della motivazione e della realizzazione personale sul lavoro si sono aggiunti ai “meri” discorsi sulla produttività del singolo e dei team.

Promuovere un ambiente di lavoro collaborativo è un fattore sempre più decisivo per poter realizzare gli obiettivi aziendali e soprattutto per poter beneficiare di tutto il potenziale creativo-innovativo dei propri collaboratori.

Immaginare una situazione dove il benessere dei lavoratori contribuisce direttamente ad alzare la competitività dell’azienda è possibile: il metodo Lean ci può aiutare anche in questo.

Lean management: competitività e benessere dei collaboratori

Il tema del benessere dei collaboratori è una tematica che negli ultimi anni si sta facendo sempre più sentita. Collaboratori coinvolti attivamente nella propria azienda sono risorse più produttive, più efficienti, più decisive per i risultati dell’azienda.

La parola chiave è proprio sinergia, perché le due tematiche, Lean Management e benessere, si compenetrano. Nato nel cuore dei processi produttivi e industriali, il Lean Management – l’organizzazione snella – si è presto diffuso in ogni settore della vita aziendale, dallo sviluppo dei nuovi prodotti alle vendite, passando per le funzioni amministrative.

Il metodo Lean si basa sulla revisione dei processi tramite la riduzione degli sprechi, che siano essi di tempo o di risorse economiche. Il Just in Time – uno dei pilastri del Lean management – permette di azzerare le scorte di magazzino nelle aziende di produzione, e le inefficienze burocratiche e amministrative nelle imprese di servizi. Una conseguenza di tutto ciò, ancora troppo poco considerata, sta nell’impatto che un genere di ottimizzazioni di questo tipo porta nelle persone.

Lavorare in un’azienda più snella, meglio organizzata, più strutturata e in cui ti senti parte attiva e non semplicemente una ruota dell’ingranaggio, non è un di più ma un requisito fondamentale per il successo.

benessere dei collaboratori

Benessere dei collaboratori: quando l’uomo è al centro dei processi

Grazie al modello Lean e ai nuovi paradigmi, l’uomo si (ri)trova catapultato al centro delle azioni organizzative: in un modo nuovo, e del tutto positivo. Questo perché i processi riorganizzati devono ambire alla completa soddisfazione del cliente: sia esterno, che interno.

I lavoratori devono necessariamente partecipare alla strutturazione dei nuovi processi, nell’ottica proprio della riduzione degli sprechi, perché – questo è il lean thinking – solo chi è coinvolto tutti i giorni in un processo produttivo ne conosce davvero falle, inefficienze e rallentamenti. I lavoratori partecipano al management, si può dire, con l’obiettivo dell’eccellenza finale.

Mentre le innovazioni non sono più calate dall’alto né percepite come tali: un meccanismo fin troppo comune, nel passato, e che spesso generava nei lavoratori diffidenza, freddezza e distacco nei confronti delle stesse sorti aziendali. La conseguenza principale e immediata di questo cambio di prospettiva e ruolo è la generazione di un grande senso di partecipazione e affiliazione, che si traduce nella più importante qualità che si possa cercare in un collaboratore: la motivazione.

Sono anche gli studi svolti nelle aziende, sempre più frequenti, a dircelo: la partecipazione porta ad un miglioramento del clima sul luogo di lavoro.

Ed è uno scambio reciproco, che avviene su base pressoché quotidiana tra il management dell’azienda e i suoi collaboratori. L’organizzazione snella infatti funziona meglio quanto più la forza lavoro è coinvolta nei processi di revisione, mentre viceversa l’organizzazione Lean beneficia dalle situazioni in cui la comunicazione sia verticale che orizzontale è favorita.

Il tassello mancante nelle skills del lavoratore

Kaizen è il principio fondante del Lean Management. E’ il miglioramento continuo, che nasce dal sistema dei “circoli di qualità” di Taiichi Ohno, secondo il quale devono essere i lavoratori – coinvolti nel processo in esame – ad ingegnarsi per trovare le soluzioni più efficienti.

Portare il principio del Kaizen all’interno dei luoghi di lavoro significa che le competenze del lavoratore si estendono verso un nuovo ambito: quello della motivazione, della responsabilizzazione e della partecipazione.

Partecipando attivamente alla possibilità di incrementare il successo dell’azienda per la quale lavora, l’uomo guadagna un ruolo che, seppur impalpabile, non può che tradursi in una forma di benessere psicologico. A questo si aggiunge la rapidità e la funzionalità dei cambiamenti apportati ai processi.

Le lungaggini spariscono, le azioni si snelliscono (e con esse, il dispendio di energia richiesto agli attori coinvolti) e il sistema di obiettivi graduali e successivi sono complici di una soddisfazione che , al mero esecutore, è sempre mancata.

Piattaforme e applicazioni non sono sufficienti per promuovere il vero benessere dei collaboratori

Per accogliere e dare un supporto alla spinta al cambiamento di pensiero, sono nate – e continuano ad essere sviluppate – numerose applicazioni e piattaforme software per la gestione dei processi Lean. Soprattutto in ambito digital, questi supporti permettono di svolgere tutte le funzioni legate alla gestione del flusso di lavoro riorganizzato secondo il Lean management: accelerando e semplificando la comunicazione tra i membri coinvolti nel processo, ottimizzando la gestione dei dati e delle risorse, ordinando i task.

A queste applicazioni si legano anche quelle componenti di empowering, comunicazione e partecipazione che rendono così profonda la sfera psicologica del Lean thinking. Ma tutto questo rischia di rimanere lettera morta se rimane un semplice strumento operativo non perfettamente integrato, attraverso adeguati percorsi di formazione, all’interno della realtà aziendale.

Per questo il lean management e le strategie Lean – tra cui le Obeya Room ad esempio – sono una leva fondamentale, capace di scardinare resistenze e passività altrimenti impossibili da vincere.

 

ATTENZIONE: grazie alla possibilità in vigore ancora per il 2021 e 2022 di accedere al credito d’imposta formazione industria 4.0 puoi finanziare totalmente programmi di formazione, processi di trasformazione tecnologica e digitale nella tua azienda.

Una grande opportunità per  le PMI di realizzare un programma di formazione e consulenza per innovare, creare efficienza, organizzare e sviluppare le aziende, “a costo zero”. Perciò, se anche tu vuoi

> implementare ottimizzazioni e innovazioni in ottica 4.0 nella tua azienda
> valutare quali opportunità di miglioramento puoi ottenere nella tua azienda con percorsi formativi e di innovazione strategica, beneficiando del credito d’imposta formazione 4.0 CONTATTACI.

 

Contattaci per richiedere un primo appuntamento di analisi fattibilità per la tua azienda

 

Benessere dei collaboratori e lean management: i benefici

I benefici che il Lean management può portare in azienda sono molteplici, anche a livello di benessere dei lavoratori e collaboratori. C’è tuttavia un’avvertenza da fare. Il metodo Lean viene spesso visto come una bacchetta magica, il tuttofare che può risolvere velocemente delle emergenze aziendali che, in realtà, sono situazioni sedimentate, spesso connaturate all’azienda stessa. Perché il metodo funzioni – portando con sé tutti i vantaggi dei quali è capace – sono fondamentali alcune accortezze:

  • Velocità non è sinonimo di fretta. La riorganizzazione va ponderata, ogni sua fase studiata attentamente.
  • L’applicazione, soprattutto dal punto di vista umano, non deve essere gratuita. Motivare i propri collaboratori a contribuire alla riorganizzazione di un sotto-processo ininfluente può essere controproducente, perché provoca una flessione del morale di chi vi partecipa.
  • La motivazione che ha portato all’adozione del Lean Management deve essere spiegata a tutte le persone coinvolte. Il metodo è profondo, e deve essere chiaro a tutti gli elementi del team per essere percepito come tale.

Applicare il Lean Management parzialmente, frettolosamente o con poca comunicazione lo mortifica, trasformandolo da risorsa potente a inutile copertura di una gestione casuale e imperfetta.

Richiedi una consulenza personalizzata. Costruiremo la strategia Lean che fa davvero per la tua azienda, e che ottimizzi tutti i processi aziendali.

 

    Vuoi ottenere anche tu più risultati dalla tua azienda?

    Compila il modulo per essere ricontatto da un nostro consulente
    Nome*
    Cognome*
    E-mail*
    Cellulare*
    Ruolo*
    Azienda*
    Indirizzo*
    CAP*
    Città*
    Provincia*

    Prendo visione dell'informativa sulla Privacy Policy.*

    Potrebbero interessarti anche:

    Pianificazione e controllo di gestione, cos’è e perché serve

    Pianificazione e controllo di gestione sono concetti chiave nella crescita di un’azienda. Questo risiede nel fatto che si tratta di processi che permettono di individuare le cause di eventuali perdite e di intervenire in modo tempestivo, evitando sprechi di risorse, di tempo ed economici. Oltre che a migliorare i processi produttivi, la pianificazione e il […]

    Finanza agevolata: come funziona

    Finanza agevolata: come funziona e in cosa consiste esattamente? Con il termine finanza agevolata ci si riferisce abitualmente all’insieme degli strumenti finanziari utilizzati dal legislatore a livello comunitario, nazionale, regionale o locale per favorire la competitività e lo sviluppo delle imprese.  La finanza agevolata opera attraverso gli strumenti agevolativi pubblici di provenienza comunitaria, nazionale e […]

    Consulente Lean: perché è diverso da un consulente aziendale tradizionale

    Consulente Lean: ne hai sentito parlare in qualche corso, letto in qualche articolo, ricevuto un consiglio da un amico e vorresti saperne di più. Cos’è esattamente un consulente aziendale lean? In cosa si differenzia da un consulente aziendale tradizionale? In quali tipi di aziende è utile e in quali del tutto inefficace? Innanzitutto va detto […]

    Benessere dei collaboratori e competitività con il metodo Lean

    In questi ultimi tempi si assiste ad una sensibilizzazione verso l’organizzazione aziendale, rivolta soprattutto al benessere dei collaboratori. Che si tratti di dipendenti o di collaboratori esterni, l’interesse attorno ai temi del benessere, della motivazione e della realizzazione personale sul lavoro si sono aggiunti ai “meri” discorsi sulla produttività del singolo e dei team. Promuovere un […]

    Sistema Gestione Qualità
    Make Group S.r.l.
    certificato ISO9001 - settori IAF 35 e 37
    n. 50 100 15853

    Make Group Srl

    SEDE OPERATIVA
    Via Venezia, 58/2 | 30037 Scorzè (VE)

    SEDE LEGALE
    Via Villafranca, 6/3 | 30035Mirano (VE)

    Dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00 oppure scrivici via email a: info@make-group.it

    Resta aggiornato

    Iscriviti alla newsletter

      Nome*
      E-mail*

      Prendo visione dell'informativa sulla Privacy Policy.*


      Make Group Srl – Capitale Sociale 25.000 € i.v. – P.IVA e C.F. 04409600279 | REA VE-411415 | Cod. SDI T04ZHR3

      Copyright © 2020 Make Group | Privacy & Cookie Policy